Archivio per la categoria ‘Rock Bang Theory’

Jimi Hendrix è indiscutibilmente uno dei migliori chitarristi di sempre, se non il migliore, ma in questo post non parleremo di lui. Parleremo, infatti, dei suoi musicisti storici. Hendrix infatti collaborò con tantissimi musicisti, ma storicamente il suo bassista fu Noel Redding ed il suo batterista Mitch Mitchell: sono costoro che ritroviamo in Experience. Inoltre parleremo dei membri che rimpiazzarono i precedenti e che Hendrix scelse per formare nel 1969 la Band of Gipsys: Billy Cox (basso) e Buddy Miles (batteria). Che fine hanno fatto questi grandi musicisti dopo la scomparsa di Jimi?

Jimi Hendrix

Jimi Hendrix

JIMI HENDRIX EXPERIENCE

Noel Redding

Noel Redding, inglese, fu un musicista prolifico. Iniziò infatti la sua carriera musicale come chitarrista in varie band tra cui i The Loving King, con i quali permase fino al 1966. Nello stesso anno su consiglio di Chas Chandler, passò al basso e fece il provino per suonare insieme al giovane e talentuoso chitarrista americano Jimi Hendrix. Con lui registrò Axis Bold as Love, Are you experience ed Electric Ladyland. Partecipò inoltre alla storica apparizione di Jimi al festival di Monterey.

Lasciò la band di Hendrix nel 1969 per dissidi con il leader, formando subito dopo i Fat Mattress, i quali si sciolsero nel 1970.

Nel 1971 formò il trio Road con il quale suonò fino all’anno del suo ritorno in Irlanda.

Tornato a casa formò la Noel Redding Band, che fu attiva fino al 1980. Nell’anno dello scioglimento della sua band decise di seguire un progetto acustico con Carol Appleby fino al 1990.

Morirà l’11 maggio del 2003 a seguito di un’emorragia al fegato, conseguenza della cirrosi epatica: aveva 57 anni.

Noel Redding

Noel Redding

Mitch Mitchell

Prima di diventare famoso come batterista di Jimi, Mitch era un attore: aveva fatto varie fiction televisive e radiofoniche.  La sua discografia con Hendrix è la stessa di Redding.

Nel 1969 Hendrix decise di cambiare la propria band alla continua ricerca di nuovi suoni.  Dopo la breve esperienza dei Band of Gypsys, Mitchell fu richiamato a suonare la batteria fino alla morte di Hendrix (18/09/1970).

La fama raggiunta con Hendrix e la sua versatilità gli permisero di collaborare con moltissimi artisti importanti come John McLaughin, Jeff Beck e Muddy Waters.

Va ricordata la sua apparizione nel celebre show organizzato dagli Stones nel 1968: il The Rolling Stones Rock’n’Roll Circus. Show nel quale suonò in un gruppo chiamato per l’occasione Dirty Mac al fianco di John Lennon, Keith Richards ed Eric Clapton.

Mitch Mitchell verrà trovato morto il 12 novembre 2008 nella sua camera d’albergo di Portland (Oregon), dove si trovava per un tour. La sua salma riposa ora nel cimitero di Seattle a pochi metri dalla tomba di Jimi.

Mitch Mitchell

Mitch Mitchell

BAND OF GYPSYS

Billy Cox

Dopo lo scioglimento dei Band Of Gypsys, Billy ha continuato a suonare in un suo progetto chiamato Nitro Function, insieme con Char Vinnedge e Robert Tarrant.

Inoltre fino alla morte dei suoi colleghi,  ha continuato a collaborare con Noel Redding, Mitch Mitchell e Buddy Miles nei vari tributi a Jimi Hendrix che si sono susseguiti negli anni.

Billy è l’unico membro delle band di Hendrix ad essere ancora in vita.

Billy Cox

Billy Cox

Buddy Miles

Buddy Miles è stato molto attivo nella sua carriera post Hendrix, combattendo per i diritti civili e continuando anche a suonare con tantissime persone, sia come vocalist che come batterista.

Tra le sue collaborazioni Ricordiamo la performance come Vocalist nell’album Freedom di Carlos Santana.

Nel 1994 forma insieme a Kevon Smith e Joe Thomas la band MST, con la quale registrerà nello stesso anno Hell and Back.

Continuerà a suonare con i medesimi musicisti in vari tributi a Jimi Hendrix

Morirà il 26 febbraio del 2008 a seguito delle conseguenze di un arresto caridaco nella sua casa di Austin (Tesxas).

Buddy Miles

Buddy Miles

Annunci

Nel giro di pochissimi giorni abbiamo festeggiato sia il Compleanno di John Paul Jones che quello di Jimmy Page, per il sottoscritto è stato fisiologico e naturale, in questa settimana, parlare dei led zeppelin.

non voglio parlare della arcinota band, ma partirò direttamente dal loro scioglimento nel 1980 a seguito della morte del batterista e cuore pulsante del gruppo John Henry Bonham. Bonzo morì, esattamente come Hendrix, soffocato dal proprio vomito. Ma scendiamo in dettagli maggiori. Bonham si presentò nella casa  di Page a Windsor più ubriaco del solito per le prove dei neo-riuniti led zeppelin. Continuò a bere durante le prove fino a sentirsi male: John Paul Jones ed il neo manager Benji LaFevre, lo portarono in una stanza per dormire. Lo ritrovarono ore dopo morto soffocato dal proprio reflussso gastrico a soli 32 anni.

Led Zeppelin

Led Zeppelin

Ma che hanno fatto gli altri Led dopo la morte di Bonzo?

Jimmy Page

Dopo la dipartita di Bonham, Page prese due anni di pausa, dedicandosi all’esoterismo e alla filosofia di Aleyster Crowley (sua storica passione). Continuò comunque a suonare nella sua magione, per poi ripresentarsi sulle scene con una band insieme a Chris Squire ed Alan White degli Yes. Nonostante tutto, questo tentativo non ebbe un gran seguito. Nel 1983 ritornò in grande alla Royal Albert Hall durante un concerto di beneficienza: si ritrovò sul palco a suonare insieme a Jeff Beck ed Eric Clapton. Questo in realtà è un ritorno al passato prima dei led zeppelin, avendo Jimmy militato negli Yardbirds.

Nel 1985 provò a riformare gli zeppelin per il Live Aid, inserendo Phil Collins alla batteria. Il tentativo nacque e morì con quel concerto: Per quanto Collins sia bravissimo, Bonham era ed è insostituibile per il sound degli Zeppelin.

Ha continuato e continua a suonare ancora oggi in vari concerti, collaborando con vari artisti. Il filone comune delle sue apparizioni è la beneficienza: Jimmy Page infatti suona oramai solo per cause giuste. Questo suo impegno lo porterà a conseguire nel 2005 il riconoscimento OBE (Order of British Empire), la cittadinanza onoraria di Rio de Janeiro e l’onore di suonare alla cerimonia di chiusura delle olimpiadi di Pechino nel 2008.

Nel 2007 ha organizzato a Londra un mega concerto-reunion dei Led Zeppelin, chiamando a suonare la batteria Jason Bonham, figlio del compianto John. Chi scrive può asserire con certezza che tale concerto non fu per beneficienza, visto che il peggiore dei biglietti aveva un costo di ben 400 sterle! (al cambio attuale quasi 600 €!!!!).

Nel 2009, in un’intervista rilasciata a Sky, Page afferma di aver tentato più volte di convincere Plant e Jones a riformare i Led Zeppelin, ma questi sono apparsi alquanto disiteressati per via dei loro progetti di cui parleremo a breve.

Jimmy Page

Jimmy Page

John Paul Jones

John Paul, da sempre turnista apprezzatissimo, ha continuato a suonare dopo lo scioglimento degli Zeppelin, collaborando con tantissime band e come solista: lavoro che porta avanti ancora oggi.

Tra le sue collaborazioni più prestigiose ricordiamo: R.E.M., Heart, Ben E. King, Paul McCartney, Peter Gabriel, Foo Fighters, The mission e Brian Eno.

Come solista ha realizzato tre album (a parere di chi scrive uno meglio dell’altro! ndr.): The Sporting Life (1994) Zooma (1999) ed infine The Thunderthief (2001).

Nel 2009 forma i Them Crooked Vultures  un supergruppo con Joshua Homme (Queens of the stone age) alla chitarra e Dave Grohl (Nirvana, Foo Fighters) alla batteria. Il loro primo omonimo album riscuoterà un successo tale che Jones dichiarerà nel 2010 sulle pagine de La Repubblica l’intenzione di prolungare il tour con la band e di voler dar vita, probabilmente, ad un nuovo lavoro.

John Paul Jones 2

John Paul Jones

Robert Plant

Dopo lo scioglimento della Band, Plant ha continuato con molta costanza la sua carriera solistica facendo uscire il suo primo album già nel 1982: Pictures at Eleven.

Nel 1984 si riunisce con Page e con Jeff Beck e fonda gli Honeydrippers con i quali registra un album omonimo. Esperienza tanto bella quanto breve.

Robert Plant ha una prolifica carriera solista, sulla quale non sto a dilungarmi più di tanto, vi basti solo sapere che ha ricevuto nel 2008, dalla regina in persona, il titolo di comandante dell’Ordine dell’Impero britannico, per i suoi meriti artistici.

Collabora dal 2007 in maniera molto proficua con l’artista bluegrass americano Alison Krauss e nel 2010 ha ripreso l’attività con i Band Of Joy: la band con la quale militò dal 1966 al 1968, anno di fondazione dei Led Zeppelin. Piccola info sui Band Of Joy: hanno preso parte ad una delle date del Roma Rock, presso l’ippodromo di Capannelle (Roma) durante il loro tour del 2011.

Robert Plant

Robert Plant

Intanto, non diamo per scontato che tutti sappiano chi sia Chris Novoselic, quindi partiamo con un breve sunto del personaggio.

Tra la fine degli anni ’80 (1989 ndr.) e la prima metà degli anni ’90 esplose il fenomeno dei Nirvana: trio il cui leader indiscusso era Kurt Cobain. Gli altri due erano Dave Grohl alla batteria ed attualmente fondatore, leader e cantante-chitarrista della acclamata band Foo Fighters e Chris (o Krist) Novoselic, al basso.

Krist Anthony Novoselic, nasce il 16 maggio del 1965 in California da genitori croati. Nel 1985 Conosce Kurt Cobain tramite il fratello Robert, insieme al quale fonderà i Nirvana. Band che raggiunse l’apice del successo con l’album Nevermind nel 1992 e si scioglie nel 1994 con la morte del suo leader indiscusso: Kurt Cobain.

Come detto, Dave Grohl fonda i Foo Fighters e continua a fare il musicista. Ma Che fine ha fatto Chris Novoselic?

Dopo l’addio ai Nirvana ci ha riprovato con la musica con la regia e con la politica. Facciamo un breve excursus della sua vita dopo il 1994:

1995 – 1997: Rifiuta l’offerta dell’amico Dave Grohl di entrare nei foo fighters temendo che questi siano una copia dei nirvana senza Cobain e decide di fondare una sua band che poi scioglierà nel 1997: i Sweet 75.

1998: Si improvvisa regista e dirige L7: The Beauty Process film-documentario girato seguendo tre concerti in tre date americane.

1999 – 2003: in questi anni fonda e scioglie gli Eyes adrift

2006-2008: Si unisce alla storica punk band inglese Flipper dai quali esce nel 2008 facendogli annullare un tour in Inghilterra ed Irlanda.

Attualmente militante del partito democratico americano (per capirci quello di Obama) dove ha combattuto molte battaglie per la legalizzazione delle droghe leggere. Ma vediamolo in un paio di foto recenti come si è ridotto!